Ariadimari Hotel Sardegna Italy
Hotel Ariadimari Valledoria
 Contatti 
hotel ariadimari valledoria
Ariadimari Hotel T. +39.079.583119 - F. +39.079.582891 - info@ariadimari.it
Facebook
Google+
Twitter
>>/

Sardegna - Valledoria Visitare Sassari 

 

A c.ca 45 km di distanza , troviamo il capoluogo di Provincia.

Dal 1020 al 1275 Sassari fece parte del giudicato Arborea e torres in cui godeva di una certa libertà ed indipendenza, dominata tra conflitti diversi da Pisani e Genovesi.
Nel 1288, dopo esser stati sconfitti dai genovesi nel 1284 alla Meloria, i pisani consegnarono alla rivale la città di Sassari . La cessione venne effettuata poi realmente nel 1294 anno in cui la città si costituiva Repubblica alleata con Genova.
Sassari aragonese (dal 1323 al 1479) Fin dal 1295 Bonifacio VIII aveva promesso al re di Aragona la concessione dell'isola di Sardegna. Il re Don Giacomo non fu in grado di prendere possesso dell'isola sino al 1323.
Il secolo decimoquinto fu per Sassari uno dei più notevoli per fatti d'armi, per coraggio civile, per sentimento patriottico.
Sassari conservò a lungo l'autonomia sassarese, quantunque le famiglie nobili, la maggior parte di origine spagnuola, abbiano sempre frapposto ostacolo allo spirito di libertà e d'indipendenza, innato nella maggioranza della popolazione. Questa lottò continuamente, con rivolte e ribellioni, fin dal secolo XIII, durante il XIV e in tutto il XV secolo.
Sassari sotto gli spagnoli (dal 1479 al 1720) Nel 1469 i diversi regni della Spagna vennero riuniti in un solo scettro. La città di Sassari (insieme a tutta l'isola) diventò quindi nel 1479 spagnola: o, diremo meglio, continuò ad essere aragonese come prima, e per molto tempo. Aragona o Spagna erano la stessa cosa per i sardi - nè alcuno si accorse del cambiamento di governo, fino a quando alla lingua aragonese (da tutti parlata e scritta) si sostituì quella castigliana.
Tra il 1708 e il 1717 Sassari cade sotto il dominio tedesco: questo periodo si svolse tra tumulti, ribellioni e arresti di molti sassaresi. Continuò non pertanto il cozzo tra coloro che volevano ritornare agli spagnoli e quelli che preferirono rimanere coi tedeschi.
Sassari sotto i piemontesi (dal 1720 al 1848) Mentre la popolazione di Sassari malediceva a denti stretti tutti i tedeschi e gli spagnoli del mondo, un bel giorno giunse la notizia del famoso trattato sottoscritto a Londra ed a Parigi nel novembre del 1718. L'isola di Sardegna era stata destinata a Vittorio Amedeo di Savoia, in cambio della Sicilia. Il passaggio dell'isola alla nuova signoria non si effettuò che due anni dopo, e precisamente l'8 agosto del 1720.

L'8 febbraio 1848 egli concedeva ai suoi sudditi una Costituzione. Vittorio Emanuele II(1849-1861) Per 'abdicazione di suo padre Carlo Alberto salì al trono il 23 marzo 1949 e nel 1861 assunse per sè e per i suoi successori il titolo di Re d'Italia.
Sassari italiana (dal 1861)

Tratto da 'Sassari' di Enrico Costa.

Rilevanze da visitare

il Duomo intitolato a San Nicola di Bari.
Eretto nel XIII secolo secondo le linee dell’architettura romanica, fu successivamente ristrutturato in stile gotico con facciata barocca.
All’interno potrete ammirare affreschi del XVII secolo.

Il Palazzo Ducale, un edificio monumentale del 1775-1805 in pietra calcarea.

Interessante la Torre di Sant’Antonio, uno dei resti delle mura pisane erette nel XIII secolo.

Il monumento per antonomasia di Sassari è la fontana del Rosello, costruita in stile tardo-rinascimentale e caratterizzata da statue rappresentanti le stagioni e una statua di San Gavino a cavallo.

Degno di visita anche il Museo Nazionale Sanna, diviso in sette sale a seconda del periodo storico dei reperti archeologi ivi custoditi.
Così composto: la sala dedicata alla preistoria, dal paleolitico inferiore al neolitico antico; la sala del Monte d’Accodi; la sala delle tombe ipogeiche, le “Domus de janas”, provenienti da diverse necropoli; giungiamo poi alla sala riservata alla civiltà nuragica; nella quinta sala potrete ammirare reperti etruschi e greci mentre nella sesta quelli inerenti al periodo della dominazione romana nell’antico porto Torres.
Nell’ultima sala, infine, ripercorrete il periodo medioevale.

        Sassari official site

Sardegna - Valledoria Visitare Sassari

Facebook
Google+
Twitter